MichaelBeatrice.net è distribuito sotto Licenza Creative Commons 2.5

mercoledì 3 novembre 2010

So' stanco!

3.11.10

Vi viene mai voglia di dire basta? Basta alle vuote rassicurazioni dei politici, ai problemi in famiglia e a lavoro, alle catene di Sant'Antonio, ai "Mi Piace" su Facebook e ai RT di Twitter, al Grande Bordello, ai talk show in stile "minuto dell'odio" di orwelliana memoria? Si fa un gran parlare, vomitiamo parole su parole, senza però ricordare che le parole non sono niente senza un significante ed un significato. Viviamo nell'era della comunicazione, o almeno è questo che si dice.
Eppure i governi rivoltano i nostri diritti come calzini, distruggono vite e famiglie nei paesi poveri in nome del progresso e noi non ne sappiamo nulla, infarciti come siamo di informazioni inutili e fuori contesto.
Viviamo la nostra vita in una gabbia dorata, fregandocene di ciò che accade attorno a noi, gelosi di ciò che abbiamo e al quale non vogliamo rinunciare.
Siamo come piccoli gattini domestici, rinchiusi in enormi case: abbiamo tutto ciò di cui crediamo di avere bisogno e non desideriamo altro che una tazza di croccantini sempre piena e una cassetta dove cagare indisturbati.

domenica 17 ottobre 2010

Deathbook (parte due)

17.10.10

Questo racconto è solo vagamente ispirato a fatti realmente accaduti, non rispecchia in alcun modo le idee dell’autore e non vuole trasmettere alcun messaggio, o almeno non intenzionalmente. Perchè continuare nella lettura? La domanda che dovete farvi è un’altra: perchè non dovreste farlo?




…nel sogno l’umanità era ormai una razza in via di estinzione: l’uomo aveva raggiunto una tale dipendenza dalla tecnologia da metterla davanti ad ogni altra necessità o interesse. Le persone appassivano lentamente davanti ai monitor dei PC, aggiornando costantemente il proprio stato, fregandosene del cibo, del sesso e della vita reale.
Trascorrevano la propria vita straniata e straniante, narrando vite d’altri e spacciandole per proprie.
Corpi scheletrici,  venivano estratti dagli Internet Point e dalle case e raccolti in fosse comuni, mentre gli ospedali erano diventati luoghi di sola morte, dato che ormai non c’era più tempo per fare bambini.
L’ultimo uomo sulla Terra morì scrivendo sulla tastiera: “Oggi è stata una giornata noiosa. Nessuno dei miei 258000 amici ha dato segni di vita…”
Prima di esalare l’ultimo respito si assicurò di aver premuto invio sulla sua tastiera, registrando quel pensiero per chi sarebbe venuto dopo ed avrebbe studiato quella civiltà, la nostra civiltà e come si autodistrusse.
Quando mi svegliai, scoprii che ogni dipendenza era passata e che ero finalmente libero di vivere la mia vita: decisi che mai più mi sarei avvicinato ad un PC e la cosa andò avanti per un po’ senza alcun problema.
Un bel giorno, poi, sono riuscito a riaccomodare il mio telefono: lo userò solo per telefonare, mi ripromisi, e la cosa andò avanti per un po’, senza alcun problema.
Qualche tempo dopo, a casa di un mio amico, trovai il PC acceso: sullo schermo trionfante la home di facebook mi chiamava a se.
”Darò solo un’occhiata veloce”, mi dissi.
Scoprii che nei tre mesi di assenza molte cose erano cambiate: che era uscito un nuovo Messenger, che Twitter aveva aggiunto molte funzionalità e adesso sembrava un sito serio anche senza bisogno di un programma per utilizzarlo e che Facebook aveva piazzato sulla pagina del profilo l’elenco di tutti i “Mi Piace” che avevo cliccato nel corso della mia vita internettiana.
Forse sarei potuto resistere al nuovo MSN e al restyling di Twitter, ma la tentazione di sapere quali o cosa fossero quei 209 Mi Piace sul mio profilo era troppa persino per una persona dalleferree convinzioni come il sottoscritto.
Arrivato a casa mi sono subito collegato e da allora non mi sono ancora staccato. Lo stomaco brontola un pochino e l’orologio indica che sono le 2 di notte del 17 Ottobre, ma questo è impossibile perchè significherebbe che sono collegato al PC da 5 giorni senza mangiare, dormire, lavorare o espletare alcuna funzione corporale.
No, non è possibile perchè questo siginificherebbe che ho un problema ed invece io sto benissimo.
Ma questo dovreste saperlo,,, Lo dice persino il mio stato su Facebook!

Questo delirio era un modo come un altro per riprendere il blog dopo tre mesi di mancanza di connessione (si quella parte del racconto era vera).
In concomitanza con la ripresa di Dark Castle è anche iniziato il countdown all’apertura del nuovo blog “Find Your Totem”, che altro non è se non la conversione in Wordpress del mio vecchio Spaces che per l’occasione ho rimodernato e rivisto nei contenuti.
Ma di questo avremo modo di parlarne meglio più avanti.
Per adesso…buonanotte!

sabato 16 ottobre 2010

Deathbook (parte uno)

16.10.10

Ho commesso un errore, un imperdonabile errore.
Dopo una infanzia passata ad invidiare gli amici coi loro modem 56 kb, un’adoloscenza trascorsa ad agognare una connessione a banda larga, è arrivato il giorno in cui anch’io, utilizzando il mio cellulare come modem, ho deciso di entare in contatto con quel misterioso mondo chiamato Internet.
E così, lentamente, ho permesso alla rete di entrare a far parte della mia vita diventando una parte fondamentale delle mie giornate.
Poi, in un giorno di fine estate apparentemente come ogni altro, il cellulare è improvvisamente venuto a mancare, e con lui quella connessione tanto agognata.
”Cosa vuoi che sia qualche giorno senza Internet?” mi sono detto. Non sono un social maniaco: non passo le giornate su facebook cercando spasmodicamente di aumentare il mio numero di pseudo-amici.
Non passo le notti contattando le star su Twitter in attesa di una risposta.
”Non ci sono problemi” mi sono detto “la mia esistenza non verrà influenzata dalla mancanza della rete”.
Intanto I giorni passavano inesorabili: guardando le persone per strada provavo un impulso sempre più irrefrenabile a chiedere loro l’amicizia. Guardando le locandine dei film fuori dal cinema cercavo il bottone del “Mi Piace”. Le twittate notturne di Eliza Dushku mi mancavano come l’aria.
Ma nonostante tutto non mi rassegnavo all’evidenza: poco importava che l’orticello di casa mi facesse venir voglia di giocare a Farmville (!!!) o che ad ogni battuta detta in ufficio una vocina dentro di me mi chiedesse di condividere.
Dopo due mesi di latitanza dalla rete la mia vita si era ridotta ad una misera esistenza attraverso giorni incolori: mi trascinavo stancamente, vivendo la mia esistenza asociale, ormai rassegnato alla mia sorte.
Una notte però un sogno arrivò in mio soccorso…
[continua…]

lunedì 26 luglio 2010

Lettera al signor Nessuno

26.7.10

quella qua sopra è un'opera dell'artista Omero Crivello. Se volete vedere altri lavori dell'autore del quadro, cliccate QUI.

Caro signor Nessuno,
ti scrivo una lettera perché so che non la leggerai. Non sarà un'opera d'arte, non verrà ricordata nel tempo: è solo uno sfogo di una notte di fine luglio e non vuole essere niente di più.
Caro signor Nessuno,
Tu non hai un nome, perché darti un nome significherebbe darti una umanità che non mi hai mai dimostrato.
Sei uno strano essere dalle molteplici facce, un topo impaurito, un viscido verme, un inaffidabile scorpione.
Se ti scrivo, caro signor Nessuno, ho un motivo ben preciso: ho un racconto da narrarti; il racconto di ciò che rimarrà di te, quando l'impassibile e fredda Morte verrà a trovarti.
Il mondo non si ricorderà di te, signor Nessuno, ma potrebbe essere altrimenti?

Cosa hai fatto di buono nella vita? Non hai mai capito ciò che conta realmente: non sono i soldi, caro signor Nessuno, non è la Fortuna, non le macchine, non la notorietà.
Quello che conta è lasciare un segno, una memoria, qualcosa per la quale valga la pena essere ricordati.
Ma tutto ciò che il mondo ricorderà di te è racchiusa in me, perché io sono l'eredità, il testamento, il giudice di una vita intera. La tua.
Ed è questo il momento del giudizio. E' questo il momento in cui ti racconto ciò che mi hai lasciato.
Rimpianti. Non c'è niente di peggio del rimpianto, del rimorso, della consapevolezza che le cose sarebbero potute andare diversamente, se solo lo avessimo voluto. Ma non hai veramente mai voluto niente dalla vita, signor Rimorso? Piangersi addosso non porta mai a niente, ma è questo ciò che hai sempre fatto. Sperare che le cose accadano senza fare niente perché si realizzano non ti ha portato molto lontano. Ma potevi realmente aspettarti dell'altro dalla vita?
E quello che ti rimane, quello che mi rimane, è un grande, incontrollabile odio represso. Non vorrei odiare, non vorrei odiarti, ma l'odio è l'unica cosa che mi hai lasciato.
L'odio e il rimpianto sono le tue uniche eredità, una ricetta perfetta, un sublime cocktail di infinita disperazione per te e le persone che ti circondano.
Non è questo ciò che voglio e non è questo ciò che farò della mia vita.
Ed è per questo che ti dico addio, signor Nessuno: mi allontano da te perché allontanarmi è l'unico modo di diventare realmente qualcuno.
Ma potrei realmente liberarmi dall'odio e dalla disumanità con le quali mi hai infettato, se continuassi a tenere dentro un tale peso, a rinfacciarti della miseria che mi circonda?
Non sarei forse un ipocrita? Non mi abbasserei al tuo livello?
Solo adesso prendo coscienza di quale sia la chiave di volta, la prima delle mille porte da aprire per allontanarmi per sempre da te: la porta del perdono.
Mi sarai indifferente, caro signor Nessuno, ma sarai dispensato dai tuoi peccati. Non perché tu te lo sia meritato, ma perché me lo merito io. Mi merito di essere una persona migliore di te.
E la via, chiara come mai prima d'ora, è quella di non abbandonare un signor Nessuno: prima di lasciare per sempre le tue aride terre, dovrò avere la forza di mutarti in un signor Qualcuno.

martedì 20 luglio 2010

Vaffancuore!

20.7.10

Ci sono persone al mondo che, paradossalmente, solo a livello inconscio hanno raggiuno la consapevolezza della propria inutilità sociale, e che si sentono sviliti al punto da cercare di abbattere chiunque abbiano attorno per affermare la propria importanza.
Ci sono individui così ciecamente convinti di se da rifiutare ogni responsabilità ed ogni errore commesso. Non possono aver sbagliato: non loro! Non è un'opzione contemplabile.
Ci sono esseri fieri della propria merda, e che sguazzando nel letame rendono la tua vita miserabile per diletto e per sentirsi superiore a te.
Queste persone sono un concentrato di odio e di rancore, un ignaro veicolo del male.
Non c'è speranza per chi non accetta il dialogo, per chi non crede nel pentimento e nel valore intrinseco dell'accettare critiche e colpe.
Le motivazioni che muovono le loro menti limitate non sono però oscure: una parte del demonio che li anima è presente in ognuno di noi, un tassello del magnifico mosaico della nostra psiche.
Ma quando una parte, una fazione, assume più importanza delle altre, quando l'egoismo, la perfidia, la vanità prendono il sopravvento, allora perdi ogni diritti ad essere considerato un umano.
Un uomo è colui che pur accettando le proprie origini animali, è in grado di elevarsi sopra di esse, di riconoscere i propri limiti facendo però di tutto per superarli. Fingere di non averne, di essere infallibili, significa ignorare il problema, snobbare un cancro fino a che l'amputazione rimane l'unica opzione attuabile.

Ma io che le mie responsabilità me le prendo tutte, io che non ho bisogno di guardarmi allo specchio per essere convinto di quello che penso e di ciò che valgo, io che la mattina per colazione mangio la ciambella con la nutella e non mi sazio con pane e fiele, io dico a tutti costoro, a tutti questi ignari schiavi di satana...
vaffancuore!

lunedì 19 luglio 2010

Qualcosa si è salvato

19.7.10

Ho visto la felicità. L'ho vissuta per un attimo. Ma era solo un sogno e al mattino era tutto svanito.

I modi di dire sono stronzate, perché chi semina merda raccoglie oro e chi ce la mette tutta per dare il meglio di se, finisce sempre a prenderlo in quel posto.
Giorni e notti di inutili litigi, di vite battute all'asta per una lista di ottime dipendenze.
Cos'è la salute davanti ad una slot machine? Cos'è la felicità, paragonata ad una sigaretta?
Qualcuno di voi, la fuori, si batte per i propri sogni, vive perseguendo un obiettivo.
Ma quale obiettivo può avere una persona, quando persino chi lo ha generato lo rinnega?
E all'improvviso mi accorgo che non sono altro che un concentrato di rabbia.
Rabbia repressa, accumulata negli anni, da quando non ero altro che uno schizzo, un essere monocellulare.

Intendiamoci: so bene che ci sono vite ben più miserabili della mia, che lagnarmi su un blog non cambierà le cose ma, per quanto tutto ciò possa essere patetico, al momento è l'unica cosa che io possa fare.
E nonostante tutto adoro la vita. Mi ci attacco come un orso ad un barattolo di miele.
Perché continuo stupidamente ad essere ottimista e a dirmi che d'ora in avanti le cose non potranno che andar meglio. Perché so che solo un male così grande potrà aiutarmi ad apprezzare quello che il futuro ha in serbo per me.
Ma anche non ci fosse niente di meglio, avrò la certezza che la fuori qualcuno se la sta godendo questa vita.
E se anche per un istante, per una frazione di secondo, avessi contribuito a migliorare quella vita, con una parola di comprensione, una battuta, un silenzioso scambio di sguardi, allora saprei che non tutto è andato perduto.
Qualcosa si è salvato.

domenica 18 luglio 2010

L'armadio dei ricordi

18.7.10

Mettere in ordine può essere una delle esperienze più catartiche nella vita.
Vi è mai capitato di aprire un armadio pieni di oggetti e cianfrusaglie?
Allo sguardo di un estraneo quelle possono sembrare cose inutili, ma ognuna di loro è per voi di estrema importanza, perché vi ricorda qualcosa: cose che sapete ed altre che avete dimenticato lungo il percorso; un passo della vostra vita, una giornata divertente, uno scherzo tra amici, un errore.

Quell'armadio contiene la vostra vita e frugarci all'interno è come frugare per un attimo dentro se stessi.
Arriva così il giorno in cui non c'è più spazio e, per poter andare avanti, si è costretti a buttare via qualcosa.
Arriva così il momento della scelta: attentamente esaminiamo una ad una le cose contenute nell'armadio e decidiamo cosa vale la pena di tenere e cosa no, quello che è necessario ricordare, e quello che, per quanto abbia fatto parte della nostra vita, non è più fondamentale e non contribuisce a ciò che siamo oggi.
Ritagli di giornale, quaderni di racconti e poesie, libri di orientamento all'università. Gioie, rimpianti, speranze e ricordi di ciò che eravamo e ciò che siamo. Lentamente ogni oggetto conosce il proprio fato, quello ingiusto ed inevitabile della pattumiera o il ritorno nell'armadio, in attesa della prossima pulizia.
A sera, quando il lavoro sarà finito, potremo salutare una parte di noi stessi, gettando l'immondizia e, guardando i sopravvissuti alla selezione, avere uno sguardo di ciò che siamo stati, siamo e saremo...

venerdì 16 luglio 2010

Il gioco dei giganti

16.7.10


Invidio le persone che sanno quello che vogliono, che non hanno mai avuto un'incertezza e che conoscono fin dalla nascita il proprio obiettivo.
Sembrano procedere su una linea retta, una prefabbricata strada di plastica, alienati dal resto del mondo.
Mi sconvolge pensare che c'è chi non ha mai avuto un dubbio sulla propria esistenza: perchè sei al mondo? Sei stato voluto o sei solo un incidente di percorso? Perchè il genere umano esiste? Perchè esistono il mondo, l'universo, il bene ed il male?
Ci sono domande per le quali a mio avviso non esiste una risposta chiara e certa, ma che alcuni riescono a risolvere, vedendo un disegno, una finalità: affidandosi alla fede.
Ma allora perchè mi sembra tutto così casuale? Sono io ad essere limitato? O sono loro?
E' solo la paura dell'incertezza e la voglia di una qualsiasi risposta a spingerli o ci può essere dell'altro?
Può la natura, nella sua poetica perfezione, essere frutto del caso?
Può esserlo la calda sensazione di un abbraccio? L'armonicità del corpo di una donna? La matrioska delle nostre emozioni?
E dove trovano posto in tutto questo la morte, il dolore, la violenza e l'ingiustizia?
Il libero arbitrio è un dono o una maledizione? E in un caso o nell'altro, chi è stato a concederceli?
Il male avanza; un dipinto di inestimabile bellezza, rovinato da una macchia d'olio che lentamente si spande.
Siamo marionette nelle mani di un invisibile manovratore, pedine sullo scacco di un gioco sconosciuto.
Qualcuno ci sta guidando, giocando perversamente con la nostra futile esistenza.
Vuoi chiamarlo caso? Vuoi chiamarlo Dio? Un nome vale l'altro, non è questo che cambia la sostanza.
Tutto cambia, affinchè rimanga sempre uguale. E la floridità dei nostri campi si tramuterà in deserto. E la nostra vita finirà con l'esplosione di una stella.
Chissà chi la guarderà, desiderando una miglior vita per il futuro...chissà da dove...
Quante civiltà abbiamo visto terminare, cancellate da un poetico bagliore nel cielo?
Ora mi sembra che la vita sia una canzone incisa su un vecchio vinile. Una volta che è finita riparte da capo, sempre la stessa, ma resa diversa dal tempo, dalla consunzione.
E mentre ogni cosa muta, non cambiano i tuoi occhi. La tua perfezione del tutto umana fa perdere di importanza tutto il resto.
Che i giganti giochino il loro gioco, noi faremo il nostro.

martedì 13 luglio 2010

Perso nel flusso

13.7.10

È un flusso infinito di emozioni, quello che scorre dentro di noi ad ogni ora di ogni giorno che ci è dato di vivere. I nostri corpi sono solo involucri, viscere in fermento, mosse da forze che non comprendono appieno. Ed è così che da un momento all'altro ti ritrovi dal pensare che la vita è uno schifo, ad apprezzarne ogni minuto. E con la stessa rapidità con la quale ti ha invaso, la positività ti abbandonerà di nuovo, a volte senza un motivo apparente.
La sensazione peggiore che si possa avere, svegliandosi al mattino, è quella di sentirsi intrappolati in una prigione senza barriere, senza vedere una vera via d'uscita.
E' come trovarsi al centro di una costruzione di mattoncini con un unico punto debole: tu sai dove colpire, sai quale pezzo eliminare per far crollare tutto attorno a te ed essere finalmente libero, ma semplicemente quel pezzo è troppo lontano: è fuori dalla tua portata.
Come fa la gente ad accettare il proprio destino, nonostante sia completamente diverso da quello che avrebbero voluto o sognato? Non tutti possono aver trovato ciò di cui avevano bisogno, per quanto diverso dai propri obiettivi... e allora di cos'è che si tratta? E' forse la fede?
L'idea che qualcuno abbia già deciso tutto per noi e che facciamo parte di un disegno più grande ed inaccessibile è così rassicurante?
E se quel qualcuno, quel creatore che ci ha generato a sua immagine e somiglianza, non fosse altro che un omino verde che si è divertito a fondere il suo DNA con quello di una scimmia?
E se il mondo non fosse altro che un enorme laboratorio e noi tutti delle piccole formichine industriose e piene di domande senza risposta?
Perchè ci ostiniamo a guardare il cielo, a capire l'universo e le sue leggi, a sfidare la natura e a giocare a fare Dio quando non siamo nemmeno capaci di comprendere noi stessi?
Perchè non accettiamo semplicemente la vita per quello che è, una sequenza di momenti belli e brutti, di emozioni, di persone, di esistenze che si intrecciano.
Perchè cerchiamo sempre di vederci qualcosa di più?
Non possiamo fare a meno di porci domande, ma le risposte non ci piacciono.
Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.

Creative Commons

Beatrice è il cognome è distribuito sotto Licenza Creative Commons 2.5

Rilasciato sotto licenza
Creative Commons CC BY-NC-ND 2.5 IT

Copyright © 2010-2017 Michael Beatrice
MichaelBeatrice.net: Beatrice è il cognome

Post Recenti

recentposts

Random

randomposts